Most read

Veduta del centro storico di Cosenza

«Facimu rodda», una festa popolare nel cuore antico di Cosenza

La manifestazione si svolgerà il 3 e il 4 ottobre, ovviamente nel rispetto delle norme anti Covid

«Facimu rodda». La pronuncia è più difficile della scrittura: rodda si dice roddra, premendo la lingua sul palato per ottenere una vibrazione stramba, abituale per i cosentini, ostica per tutti gli altri, calabresi inclusi. 

Rodda significa riunione di gente, crocchio di persone in cerchio e secondo i linguisti John Trumper e Marta Maddalon questa espressione sarebbe stata importata nel profondo Sud dagli occitani che nel ’300 si insediarono a Fuscaldo, Guardia, Montalto e altri centri del Cosentino.

Questa parola sopravvive ancora nel centro storico di Cosenza: non a caso, Rodda è il nome della festa popolare che si svolgerà proprio nella parte antica della città calabrese il 3 e il 4 ottobre, ovviamente nel pieno rispetto delle regole anti Covid.

Nel cuore più antico di Cosenza, tra la Chìesa matre (il duomo), ’u Chianariaddru (la discesa), ’a Chiazza Picccula (la piazzetta) e ri Vardesi (vico Valdesi), prenderanno vita mercatini, libri, concerti, spettacoli teatrali, poesie, arte, dibattiti, giochi, cene e momenti conviviali. Tutto è organizzato in piena autonomia dal quartiere e per il quartiere. 

 5,602 total views,  213 views today

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP