Most read

Migranti, la Guardia costiera ne salva novanta al largo di Malta

Ma resta enigmatico il comportamento del governo dell’isola, che in un primo momento chiede il soccorso dell’Italia e poi tenta di rinviare lo sbarco delle persone soccorse

Su richiesta delle autorità maltesi, le motovedette della Guardia Costiera italiana hanno soccorso martedì notte un barchino con a bordo novanta migranti in acque Sar di Malta.

Tuttavia, quando la Guardia Costiera ha chiesto a La Valletta di inviare un pattugliatore per il trasbordo delle persone recuperate, Malta ha risposto negativamente.

Le navi italiane si stanno dirigendo comunque verso l’isola.

Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo maltese, informa la Guardia costiera, «dopo aver formalmente dichiarato l’assunzione del coordinamento dell’evento Sar, richiedeva alla autorità italiana la disponibilità e l’impiego di assetti navali a supporto di un proprio pattugliatore che dichiaravano aver dirottato in zona». Ma una volta terminato il soccorso e aver chiesto un punto d’incontro con il pattugliatore, Malta non ha risposto. Al momento dunque le unità della Guardia Costiera con a bordo i migranti salvati stanno facendo rotta verso Malta in attesa di definizione del luogo di sbarco». Il braccio di ferro è finito poche ore dopo, con l’arrivo di un pattugliatore maltese, che ha preso in carico i migranti.

 641 total views,  2 views today

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP