Most read

Risorgimento e metal, il rock patriottico degli Scala Mercalli

Lingua inglese, sound britannico, a cavallo tra Nwohm e power metal, La band marchigiana, attiva dai primi ’90, sta per lanciare un concept album sui moti unitari italiani.

Al Risorgimento in musica e al suo afflato di derivazione verdiana c’eravamo abituati.

Invece l’idea che l’epopea (e la retorica) risorgimentali potessero ispirare l’immaginario rock – da sempre in Italia succube di certe visioni gramsciane e sinistriste fuori tempo massimo – è praticamente inedita.

Gli Scala Mercalli pronti a colpire

La lacuna è colmata dai marchigiani – di Fermo, per la precisione – Scala Mercalli, una storica power metal band che si ispira ai classici della New Wave Of British Heavy Metal.

Nome e immaginario italiani, ma stile anglo-germanico, che oscilla tra gli Iron Maiden e gli Helloween, e cantato rigorosamente in inglese: ce n’è quanto basta per mandare fuori dai gangheri chi si bea con le pizziche e le tarantelle, si esalta a sentire Bennato che canta (ed esalta) i briganti, considera gli Stati preunitari (specie il Regno delle Due Sicile) Paradisi Perduti e vede nell’Unità nazionale una iattura, culminata nel genocidio, quantomeno tentato, delle popolazioni del Sud.

Di più: data la scelta del genere e della lingua, non mancherà di sicuro chi urlerà scandalizzato al complotto demo-pluto-giudo-masso-ecc. in salsa albionica.

Ma si tranquillizzino dietrologi e malpensanti: gli Scala Mercalli propongono una lettura piuttosto semplice e (finalmente!) positiva dell’immaginario risorgimentale, che per loro si riduce a due-tre concetti chiave.

Innanzitutto, la lotta per la libertà, vinta dai garibaldini e dall’Esercito Regio (sardo prima e italiano poi). In seconda battuta, il desiderio di unità, che ribadiscono in maniera che più diretta non si può: «Now there is no more South/There is no more North/But only one flag», come cantano ad esempio in Hero Of Two Worlds, dedicata a Giuseppe Garibaldi.

Gli Scala Mercalli in posa marziale

La band, attiva dal 1992, è una presenza storica nella scena underground italiana e vanta una discografia piuttosto consistente, costituita da due demo tape, un ep e tre album.

Dopo vari cambi di formazione, inevitabili in tanto tempo, gli Scala Mercalli si sono assestati nel 2017 nella formazione costituita dal cantante Christian Bartolacci, dai chitarristi Cristiano Cellini e Clemente Cattalani, dalla bassista Giusy Bettei e dal batterista Sergio Ciccoli.

Dotati di un consistente bagaglio tecnico-musicale, i cinque marchigiani sviluppano un wall of sound forte ma dalla costruzione lineare e pulita.

Basta ascoltare tre brani per rendersene conto: la menzionata Hero Of Two Worlds, September 18, 1860 (tratti da Rebirth, l’album del 2017) e Be Strong, il singolo apripista di Indipendence, il concept album di prossima uscita dedicato a un periodo storico piuttosto lungo, che include la fase prerisorgimentale incarnata dal Regno di Napoli murattiano e dalla Repubblica Romana mazziniana, l’epopea garibaldina e il brigantaggio.

Ottimi nel songwriting e potenti quel che basta, gli Scala Mercalli hanno anche una presenza scenica piuttosto originale: al classico look pelle e borchie preferiscono le uniformi militari dei reparti italiani della seconda metà dell’Ottocento. E non per mene militar-nazionaliste, bensì per ricordare «i soldati che lottarono col popolo per la libertà e per l’Unità d’Italia». Già: gli Scala Mercalli preferiscono cantare di «soldati che danno la vita» anziché di soldati che ammazzano il prossimo, di lotta per la nazione e non di guerra per opprimere gli altri.

Il patriottismo nella sua accezione più alta e più bella. Ma soprattutto un monito non proprio irrilevante nell’attuale fase storica, in cui l’amore per la Patria subisce il duplice assalto degli egoismi territoriali e degli aspetti più pericolosi della globalizzazione.

Non è proprio male vedere il Tricolore sventolare a suon di rock (e che rock!) allo stesso modo in cui Bruce Dickinson brandisce la Union Jack durante i concerti degli Iron Maiden.

Buon ascolto e buone riflessioni.

Da ascoltare (e da vedere):

Il video ufficiale del nuovo singolo Be Strong
Il video ufficiale di September 18, 1860
Il Lyric video di Hero Of Two Worlds

839 Visite totali, 2 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

There is 1 comment for this article
  1. Pingback: Independence, il Risorgimento diventa metal – Indygesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP