Most read

Freddo cane, la nuova sfida sonora de L’ennesimo

L’artista calabrese lancia il suo nuovo singolo in attesa dell’album d’esordio “Tratto da una storia vera”

L’ennesimo è il progetto musicale avviato da Paolo Pasqua nel 2016.

Il 4 luglio 2017 l’artista calabrese pubblica Senape, il suo primo ep. Successivamente, il giovane cantautore prosegue le sue esperienze tra Roma, Calabria e Irlanda, da cui trae l’ispirazione per otto nuovi pezzi, che scrive a Cong, un piccolo villaggio irlandese.

Paolo Pasqua alias L’ennesimo (foto di Giuseppe Colosimo)

Tornato in Italia, Pasqua contatta la milanese Maciste Dischi e inizia la produzione del primo lp assieme a Federico Carillo, l’attuale fonico di Canova, Selton e Ghemon tra gli altri.

Il disco, Tratto da una storia vera, sarà pubblicato nel corso del 2020 per La Lumaca Dischi.

Lo scorso aprile esce il singolo apripista Freddo cane, con un videoclip realizzato dallo stesso artista calabrese. Il pezzo entra subito nella playlist Scuola Indie di Spotify. Sono presenti la batteria di Andrea Diverso e il sax di Claudio Smilzo.

Il brano si muove tra l’indie pop e l’elettronica. La base ritmica marcata dai synth si lega bene alle parti di chitarra e dà lo slancio al sax, che dona picchi emotivi all’arrangiamento.

Inquietudine è la parola chiave di Freddo Cane e quest’emozione traspare sia dalla musica sia dal testo.

«La parola d’ordine è adesso./Si, però adesso non posso./Discorso un pò più complesso. Dovrei respirare più spesso»:l’ansia costante di chi crede di portare sul petto il peso insostenibile del non detto, del non realizzato, dell’incompiuto. Una ricerca di superficialità per cristallizzare il presente e apprezzare le emozioni di ogni singolo istante.

Un primo piano di Paolo Pasqua

Il videoclip evoca ricordo di una calda estate, nel periodo di San Lorenzo.

La prima parte ricorda un viaggio in auto su un’autostrada. Protagoniste, due persone colte in un momento di impasse, che rompono finalmente il muro del silenzio e scavano nei loro sentimenti con parole sincere. Un sax dà il via a un veloce time lapse e il viaggio ha un balzo in avanti, come si percepisce anche dal testo: «Non è facile come dici tu./È un momento difficile./Quando l’ansia è il mio combustibile».

Si può procedere, si può tornare a vivere. 

Da ascoltare (e da vedere):

 16,903 total views,  2 views today

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP