Most read

Killer4, orgoglio grunge da Piacenza

Ritornano le sonorità rock anni ’90 in una giovane band che promette bene

Ci si può ispirare agli anni ’90 senza cadere nella trappola del revival? Evidentemente sì. Lo provano i Killer4, una band piacentina che ripropone un grunge genuino, duro, diretto e senza troppe sfumature, il che non è un difetto in questo genere.

Il quartetto, costituitosi nel 2015, è composto da Dario Caruana (chitarra e voce), Roberto Di Benedetto (chitarra e cori), Alessio Mazzocchi (basso e cori) e Russell De Castro (batteria). La formula musicale, a dirla tutta, non è particolarmente innovativa: il cantato richiama la formula classica dei Nirvana e nelle combinazioni musicali fa capolino la ricetta degli Alice in Chains.

Ma grunge e innovazione non sono comunque due concetti che legano benissimo. Il massimo che si può chiedere a chi rispolveri questa formula sonora – che nei’90 eclissò il metal allo stesso modo in cui, nella seconda metà dei ’70, il punk sostituì il progressive – è suonare bene, cioè con personalità e senza sbavature. E da questo punto di vista i quattro piacentini meritano un plauso: il loro sound è compatto, alza un bel muro ma senza esagerare, le melodie sono semplici ma mai banali e la ritmica è tosta quel che basta. Pochi spazi agli esercizi solisti, che risultano immediati (l’assolo sporchissimo di Run Away, da cui è tratto il loro unico video in questo senso è da manuale) senza ricerche di virtuosismi tra l’altro inutili nel contesto.

I Killer4 hanno all’attivo solo un omonimo ep, pubblicato nel 2016 per l’americana Sliptricks Records, una label specializzata in sonorità rock e metal, in cui danno un saggio del loro stile. Si va dalle canoniche The Pain’s Inside (Just Burn and Die), Run Away e Stretch Out Your Hand to Me ai fremiti punkeggianti di Border Line Girl ai toni lugubri e decadenti di Release Me.

In meno di due anni di attività, la band ha macinato un bel po’ di concerti in tutto il Centronord, a riprova che il loro genere è studiato soprattutto per l’esibizione dal vivo.

Tosti, diretti e spontanei. Validi con un ottimo potenziale di crescita, i Killer4 meritano più di un ascolto. Con la speranza che riescano a mantenere le promesse dell’esordio senza perdere in freschezza.

Per saperne di più:

Il video di Run Away

 

 

  

 

 

 1,054 total views,  2 views today

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP