Most read

Oblivion, il rientro in grande dei papà del gothic metal teutonico

Rate this post

Tredici brani di impatto per il quattordicesimo album dei Crematory, che confermano la loro ispirazione a dispetto della crisi

Testardi, metodici, coerenti ma non chiusi all’evoluzione. In una parola, teutonici. I Crematory, band di rilievo della scena metal europea, tornano al pubblico con Oblivion, il loro quattordicesimo album in diciotto anni di carriera, dedicata alle sonorità gothic e senza disdegnare alcuni stimoli danzerecci della scena germanica (avete presente il tanz metal dei Ramnestein? Ecco…).

Da questo punto di vista, il loro nuovo album non delude, anzi: la formula del sestetto crucco è riproposta in maniera smagliante, fortificata più che appesantita dalla non poca esperienza accumulata.

Sì, la formula melodica, basata sul contrasto tra la voce growl di Gerhard Felix Stass e quella pulita e a tratti ipermelodica del chitarrista Tosse Bastler (nella band dal 2015 assieme al chitarrista solista Rolf Munkes) è quella di sempre. Anche il contrasto tra il riffing trash e le atmosfere elettroniche sapientemente dosate dalle tastiere di Katrin Jullic è nel solco della tradizione, così come la possente ritmica costituita dal batterista Markus Jullic e dal bassista Jason Matthias, l’acquisto più recente del gruppo (2016).

In altre parole, i tredici brani di Oblivion, uscito in primavera per la storica Nuclear Blast, non aggiungono molto a quel che i Crematory hanno prodotto durante la loro carriera, ma propone in maniera smagliante il meglio del gruppo.

Non a caso l’album scorre che è un piacere. Si parte con Expectation, una intro breve e suggestiva, e si entra subito nel bel mezzo della danza con Salvation, il singolo apripista, un tanz-goth-metal da manuale che sintetizza con efficacia la formula musicale della band.

Più dura, la successiva Ghost Of The Past si regge tutta su una ritmica martellante e riff in stile death, appena diluiti dai flash dei sintetizzatori.

Until The Dawn è il brano più vario della raccolta: parte con un movimento di archi, si sviluppa su ritmiche trash piene di cambi di tempo e di stop and go e col consueto binomio vocale growl-melodia ed esplode in un bell’assolo di Munkes.

Introdotta da un efficace arpeggio di piano, Revenge Is Mine è un altro esempio di metal ballabile, pieno di cambi di atmosfera.

A dispetto del growl cupo di Stass, presente in abbondanza, Wrong Side rievoca atmosfere e sonorità anni ’80, grazie a un leggero passo indietro del muro chitarristico a favore dell’elettronica. Il risultato, a dirla tutta, non dispiace.

Stay With Me, in cui il growl manca, risulta il brano più leggero: è quasi un aor dalle tinte heavy accentuate. D’altronde, non poteva essere altrimenti per l’unica canzone d’amore dell’album. Certo è, che il verso «Stay with me/My Love» suona quantomeno curioso nel repertorio di una band dal nome più che macabro…

Giocata tra il trash e il black con significative aperture melodiche, For All Of Us è un altro esempio significativo della versatilità dei Crematory.

Con la ritmica cadenzata di Immortal, in cui il sequencer si alterna al riffing pesante, i sei tedeschi invitano di nuovo a ballare (o a pogare, se preferite).

Ancora il consueto mix thrash-elettronica (e melodia-growl) nella title track. Cemetery Stillness è un pezzone gotico e durissimo, pieno di cambi di tempo decisi e di atmosfere inquietanti.

Blessed è una riuscita incursione nel death. Chiude l’album la cupa Demon Inside, dai toni doom e dal ritmo danzereccio.

In una recente intervista Markus Jullic ha lamentato il calo di vendite della band e, non senza ironia, ha minacciato il rischio che i Crematory si sciolgano. Ovviamente, speriamo che ciò non avvenga, perché Oblivion ci consegna una band in piena forma e capace ancora di dare molto. Val la pena di ascoltarli e di sostenerli. Il rock sarebbe più povero senza gruppi come loro.

Da ascoltare (e da vedere):

 2,138 total views,  2 views today

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP