Most read

Uncategorized

Marco Vigna, classe ’74, è un sagittario. Tuttavia si identifica più nell’oroscopo cinese che in quello occidentale, perciò preferisce sentirsi tigre. Storico professionista e titolare di un dottorato di ricerca in Storia, è autore di numerose pubblicazioni sulla storia della spiritualità medievale. Vive e lavora in Piemonte.  51,870 total views

 51,870 total views

Keep Reading

4.2 / 5 ( 5 votes ) Carmelita Brunetti, gemelli, classe ’77, è storica, critica dell’arte e docente. Vive e lavora tra Roma e la Calabria.  15,902 total views

 15,902 total views

Keep Reading

Il piccolo Comune del Cosentino si prepara alle Amministrative dopo cinque anni di lacrime e sangue per via del dissesto finanziario causato da debiti per oltre un milione. Una parte del passivo di cui il municipio con fatica è riuscito a venire a capo sarebbe dovuto al fallimento dell’Istituto Papa Giovanni XXIII, la megastruttura benefica […]

 12,676 total views

Keep Reading

1 / 5 ( 1 vote ) Tre giovani studiosi  calabresi della Fondazione romanì Italia rievocano le vicende della brigata partigiana Leoni di Breda Solini, composta interamente da sinti, e la storia di Amilcare Debar, che combatté assieme a Pertini e divenne il primo protagonista della lotta dei rom per i diritti civili. Ma i […]

 11,174 total views,  2 views today

Keep Reading

«Non vivevo a Brooklyn ma nel rione Don Guanella a Miano», dice di sé Andre, rapper partenopeo di nuova generazione, che viene dal cuore della Napoli più metropolitana e di confine, tra Secondigliano e Scampia. La soluzione, allora, è stata portare un po’ della Brooklyn nera, culla e patria del rap e dell’hip pop in […]

Keep Reading

Ha stravinto per la quarta volta e si è confermato il leader con più consensi al mondo I media occidentali lo avversano ma in Russia lo amano in tanti e anche gli avversari lo ammirano L’ex capo dei Servizi Segreti incarna l’idea di un nuovo impero e pratica una politica di potenza. Che alla fine […]

 3,716 total views

Keep Reading

Nazionalisti? «Sicuramente, ma, non sembri un paradosso, erano per certi versi più nazionalisti gli jugoslavi, partigiani prima e militari subito dopo, a cui si contrapponevano». Possiamo definirli patrioti? «Certamente. Perché nella brigata partigiana Osoppo, c’era di tutto: cattolici (la maggioranza) giellini, repubblicani, laici. E avevano in comune due dati: la provenienza dall’Esercito, quindi una certa […]

Keep Reading
Go to TOP