Most read

Wolf God, l’epic metal secondo i Grand Magus

Il power trio scandinavo torna con un album carico di suggestioni mitologiche e pieno di omaggi alla tradizione degli anni ’80

Ancora metal scandinavo. Ancora metal efficacissimo.

Gli svedesi Grand Magus tornano con l’ottimo Wolf God, uscito nella tarda primavera per la Nuclear Blast, e completano il percorso artistico che li ha portati dal doom degli esordi d’inizio millennio all’attuale metal classico, pieno di riferimenti all’epic e di rinvii agli anni ’80.

La copertina di Wolf God

Certo, non abbiamo a che fare coi Manowar o i Virgin Steele, Ma per fortuna neppure con qualche loro epigono.

Il trio di Stoccolma – composto dal cantante-chitarrista Janne Christoffersson, dal bassista Mats Skinner e dal batterista Ludwig Witt – conferma la sua proposta musicale semplice e diretta, fatta di brani concepiti per essere suonati dal vivo, in cui l’impatto sonoro (ed emotivo) prevale sulla ricercatezza compositiva o degli arrangiamenti.

Inutile, quindi, cercare originalità e spunti innovativi, in Wolf God come in tutta la loro produzione precedente: il punto di forza del terzetto è l’adesione ai canoni del metal più classico, riproposto con un rigore al limite della maniacalità filologica.

Gold And Glory, un breve strumentale introduce l’ascoltatore nell’immaginario del trio, canonico quanto la musica, con melodie folk eseguite da un’orchestra che evocano le antiche tradizioni norrene.

Wolf God, la title track, ripropone (benissimo) i cliché che fecero appassionare all’epic metal torme di adolescenti degli anni ’80: tempi cadenzati e marziali, riff potenti e melodie maestose, ben interpretate da Christoffersson, che si lancia anche in un buon assolo di chitarra.

Più movimentata, a Hall Clad In Gold si regge su riff più veloci e si snoda su cambi di tempo e di atmosfera efficaci, fino alla dissolvenza finale melodica e carica di atmosfera.

Brother Of The Storm rievoca più cupa la lezione dei Manowar, arricchita da citazioni del viking metal grazie a un riffing più oscuro che fa da cornice all’interpretazione enfatica del frontman.

Più orientata al viking la cadenzata Dawn Of Fire, in cui il cantato epico e arioso si amalgama bene con gli arrangiamenti decisamente dark.

La veloce Spear Thrower è un tuffo nel metal classico più ottantiano, tutto potenza e melodia.

Ancora epic nella varia To Live And Die In Solitude, che presenta una partitura più complessa, piena di cambi di tempo e controtempi, gestiti con precisione chirurgica.

Maestosa e marziale, con qualche riferimento doom, Glory To The Brave è un’altra incursione nella mitologia guerresca.

Pesante e chiaroscurata, He Sent Them All To Hel è un altro tuffo negli anni ’80, in cui fanno capolino anche i Kiss, grazie al coro americaneggiante.

Chiude l’heavy metal pesante di Untamed, un altro omaggio ai classici del genere.

Janne Christoffersson in azione dal vivo

Diretti, sobri e tosti, i Grand Magus riescono a convincere con un buon album diretto a quel pubblico di over quaranta che ha avuto la possibilità di accostarsi alla tradizione del metal più canonico ma anche ai più giovani, per i quali il decennio di latta è un ricordo sfumato, come lo erano gli anni ’60 e ’70 per i loro genitori e fratelli maggiori.

Esistono artisti con la vocazione del ricordo. E proprio questo è il caso dei Grand Magus, a cui va dato un merito da non poco: la capacità di tener viva la memoria dell’heavy metal senza finire nella musealizzazione.

Non è davvero poco.

Per saperne di più:

Il sito web ufficiale dei Grand Magus

Da ascoltare (e da vedere):

 1,055 total views,  2 views today

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP