Most read

Venti anni e non sentirli. Torna il Giovinazzo Rock Festival

L’evento, a cui parteciperanno artisti di punta delle scene indie e underground internazionali, si svolgerà a Bitonto (Bari) dal 26 al 28 luglio. Ecco il programma completo

Giunto alla ventesima edizione, il Giovinazzo Rock Festival è diventato un appuntamento fisso nell’estate pugliese e non solo.

Il Grf si svolgerà dal 26 al 28 luglio nella piscina comunale di Bitonto in provincia di Bari. Gli organizzatori Valentina Soranna, Tommi Bonvino e Dario Verolino hanno prestentato l’evento durante un’intervista dal vivo curata da Carlo Chicco della radio barese Rko avvenuta a Taranto nel contesto del Medimex 2019.

La locandina del Giovinazzo Rock Festival 2019

Il festival barese si rivoge ad un ampio pubblico, dai 16 ai 35, ma non solo. Sono infatti presenti famiglie e adulti. E ha superato la dimensione regionale, visto che gli spettatori non provengono solo dalla Puglia ma da tutta la penisola. Si pensa anche ai più piccoli con il Grf baby, realizzato con l’aiuto di esperti e attrezzato con aree creative e ludiche. A loro saranno dedicati dei workshop, e non solo, perché sono previsti dei lavoratori di Ableton per tutti gli altri.

Inoltre, il festival, ha sostenuto il progetto Dukagjin in Albania e ha sponsorizzato il progetto del Centro Caritas di Giovinazzo Sentinelle del mattino.

Da Firenze arriveranno i Diaframma, capostipiti della darkwave tricolore, guidati da Federico Fiumani; poi ci saranno i Mokadelic, autori delle colonne sonore del film Sulla mia pelle e della serie Gomorra.

I Diaframma

Si passa all’indie, prima con l’indie rock degli inglesi Zola Blood, in anteprima italiana, poi con l’indie pop de La Rappresentante di lista e infine con l’indie contaminato dal rock punk dai pugliesi The Pier.

All’insegna del dub elettronico l’esibizione degli inglesi Mad Professor e Adrian Sherwood; si cambia registro con il dream pop e lo shoegaze degli italiani Be Forest; e si rimane sempre in patria con la new wave dei CFF e il Nomade Venerabile.

In un percorso tra hard-rock e rap troviamo impegnato Daniele Rossetti, conosciuto come Puritano.

I Mokadelic

Infine, si esibiranno i vincitori dei contest del Grf: Good Moaning, Edy, Sama e Stain. E non solo: parteciperanno anche i vincitori del EsserPerfetto6 Music Contest a Bari: i Sound’s Boderline; e gli Handlogic, arrivati in testa nel contest del festival Musica da Bere 2019 di Brescia.

Per fare ordine ecco il programma completo:

26 luglio:

Stain

Sound’s boderline

Be Forest

Mokadelic

La rappresentante di lista

27 luglio:

Good Moaning

Edy 

CFF e Il nomade venerabile

Zora blood

Diaframma

28 luglio:

Sama

The Pier 

/Handlogic

Puritano

Mad Professor vs Adrian Sherwood

14,604 Visite totali, 2 visite odierne

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP