Most read

Vienna, Raesta racconta le strane trame del caso

Un video suggestivo accompagna il secondo singolo del giovane cantautore elettropop pugliese

Ambientazione diurna, anzi mattutina, a colori vivi in una Torino invernale e malinconica. La storia è piuttosto semplice, ma per insaporirla i filmaker del Rkh Studio la raccontano al contrario: un piccolo incidente permette ai due protagonisti, interpretati da Linda Villano e Vittorio Lagorio, di incontrarsi e chiudere una trama del caso (i due si urtano e a lei cade un libro dalle mani, che aveva smarrito lui il giorno precedente).

È la storia, semplice ma ben dipanata, del video di Vienna, l’ultimo singolo del cantautore Raesta.

Linda Villano in un frame suggestivo di Vienna

Il brano, scritto, arrangiato e interpretato dall’artista, è un esempio raffinatissimo di elettropop dai forti richiami anni ’80, marcati dal efficace tappeto ritmico dei synth e dai ricami della chitarra e da una linea melodica semplice e minimale, cantata in inglese.

Uno stile suggestivo, che è diventato il marchio di fabbrica dell’eclettico Raesta, al secolo Stefano Resta, giovane medico pugliese innamorato della musica, in cui ha fatto un percorso significativo come batterista per varie band, tra cui i Barbados, i Solandata e gli svedesi Wallenberg.

Terminate queste esperienze, il Nostro ha deciso di mettersi alla prova come autore e cantante, dapprima con gli Ilaria in una stanza e ora come solista.

Vienna, il secondo singolo del cantautore pugliese, segue di un anno Distant Worlds/Wake Up!, il brano d’esordio accompagnato anch’esso da un video suggestivo diretto da Alessio Attardi e prodotto  dalla Espritfilm di Giuseppe Tandoj, il regista de La città incantata (2010).

Da ascoltare (e da vedere):

569 Visite totali, 4 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP