Most read

Rosy Vista, torna il rock in gonnella degli anni ’80

Con il nuovo album Unbelievable la all female band tedesca si ripresenta dopo trentacinque anni di assenza dalle scene discografiche

È davvero incredibile, come da titolo. Soprattutto, è incredibile che le Rosy Vista siano tornate dopo trentacinque anni di assenza discografica da quella scena metal in cui hanno ricoperto un ruolo tutto sommato marginale.

Eppure il quartetto vanta un piccolo primato: essere state la prima all female band tedesca in un momento storico in cui l’unico gruppo in gonnella erano le storiche Girlschool e in cui la bionda Doro Pesch doveva farsi largo a spallate coi suoi Warlock per risultare credibile alle platee del genere allora più maschilista del mondo musicale.

Le Rosy Vista in concerto

Furono quel che si dice una meteora: pubblicarono solo un ep, You Better Believe It! (1985), che diede loro la possibilità di fare vari tour di supporter ai big, e poi finirono inghiottite dal riflusso.

Oggi la band si ripresenta bene (saranno pure stagionate ma, a giudicare da foto e video sono ancora in forma) nella formazione storica, composta dalla chitarrista e leader Anca Graterol, che proveniva dalle rumene Catena, dalla cantante Andrea Schwarz, dalla batterista Marina Hublek più la new entry Angela Mann al basso.

Unbelievable (appunto, incredibile), uscito di recente per Steamhammer-Spv, è l’album del ritorno in scena. Ma è anche il classico viaggio nella macchina del tempo, perché, a sentirlo bene, sembra che per le quattro crucche i fogli del calendario non si siano mai mossi.

La copertina di Unbelievable

Già: la formula musicale è quella di sempre, un hard rock melodico che ammicca un po’ al pop e un po’ al soul, grazie alla voce profonda e duttile della Schwarz, arricchito dal riffing duro quel che basta della Grateroi e sostenuto da una sezione ritmica robusta ma mai pesante. Il tutto, appena ammodernato in sede di produzione.

Roba per nostalgici? Anche, visto che nella scaletta sono inseriti i quattro brani del vecchio ep. Ma ciò non toglie nulla a un album riuscito e gradevole.

Che si presenta bene subito, con la open track Crazy, un bel pezzo hard dalla melodia intrigante, dal riffing squadrato, dal refrain aor e dal un coro ruffiano.

La cadenzata Sadistic Lover è un’ottima palestra per le corde vocali della frontwoman che esibisce una bella timbrica bluesy e pulita.

Hard e melodia si fondono nell’americaneggiante Master Of Control che si lancia su un rirmo spedito e marcatoa tratti dalle cavalcate heavy della chitarra.

Molto convincente l’interpretazione della Schwarz anche in Too Much Feeling, un lentone romantico sfacciatamente anni ’80.

Tables Are Turned è un hard robusto che rimanda in parte agli Scorpions e in parte alle Heart.

Con Until I’m Satisfied si torna sul versante aor, condito con qualche efficace pizzico di soul nei cori.

Decisamente più heavy nei suoni, Hopatina è un divertissment basato sulla musica folk dell’Europa orientale. Non a caso proviene dal repertorio delle Catena.

La rockeggiante Poor Rosy cita un po’ gli Ac/Dc nei riff, che tuttavia sono innestati su un refrain americaneggiante.

Decisamente orientato verso il pop, tranne l’assolo della parte centrale, Sound Of Your Love, l’altra power ballad dell’album.

Qualche richiamo agli Iron Maiden vecchia maniera emerge nel refrain epico di Rockin’ Through The Night, che resta comunque aor oriented grazie a un ritornindello orecchiabilissimo.

Qualche influenza degli Scorpions più melodici si fa sentire invece in Changing My Mind che si basa sulla felice combinazione tra l’incedere ritmico incalzante e la melodia ariosa.

Chiude l’album un’efficace cover del classicone Born To Be Wild.

Da sinistra, Anca Graterol e Andrea Schwarz

Ce n’è quanto basta per dare il bentornate alle Rosy Vista e augurare loro che Unbelievable sia un nuovo inizio.

Le sperimentazioni e l’originalità stanno di sicuro altrove. Ma alle quattro teutoniche non sono richieste, visto che suppliscono alla grande con la professionalità e la passione.

Buon ascolto e buon divertimento.

Per saperne di più:

Il sito web ufficiale delle Rosy Vista

Da ascoltare:

411 Visite totali, 2 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP