Most read

Second Coming, tornano i fantastici due del rock scandinavo

Vota

Ronnie Atkins ed Erik Martensson hanno unito le forze per dar vita ai Nordic Union, giunti da poco al secondo, graffiante cd nella tradizione dei Tnt e dei vecchi Europe

Più ammiccante di così il nome non potevano sceglierselo: i Nordic Union sono il side project di Ronnie Atkins, storico frontman dei danesi Pretty Maids, e di Erik Martensson, cantante-chitarrista e leder degli svedesi Eclipse.

Visto che si parla di hard rock melodico con puntate nell’aor, non è difficile intuire dietro questa brillante operazione musicale lo zampino di Serafino Perugino, dato che entrambe le band fanno parte del catalogo della sua Frontiers.

Il recente Second Coming, come da titolo, è il secondo album dei due artisti, che segue a ruota l’esordio omonimo del 2016 e conferma la ricetta musicale degli scandinavi, che non solo riprendono i punti salienti delle band di provenienza, ma si inseriscono nel solco della grande tradizione del rock scandinavo, di cui fanno parte i vecchi Europe e i Tnt, oltre ai menzionati Pretty Maids. Il tutto con un sound moderno e brillante, che attualizza la lezione degli anni ’80.

La copertina di Second Coming

Come per l’album precedente, la scelta di unire artisti di generazioni diverse (l’ultracinquantenne Atkins e il neoquarantenne Martensson) si rivela vincente. E altrettanto riuscita risulta la fusione tra la vocalità ruvida e hard del danese con il gusto melodico dello svedese, che suona tutti gli strumenti – tranne la batteria, affidata all’ex Eclipse Magnus Ulfstedt – arrangia e produce con grande perizia e senso del songwriting.

My Fear & My Faith apre l’album con una lezione di hard rock in perfetto equilibrio tra grinta e melodia: un riff pesante su un tempo cadenzato marca il refrain, che esplode in un coro accattivante ma non sbracato.

Because Of Us è un divertissment rock tutto ritmo e tiro, arricchito da una chicca: la partecipazione ai cori dei figli del chitarrista che danno un effetto gradevole con le loro voci infantili e fanno da contraltare al micidiale riffing di Martensson.

Un delicato arpeggio di pianoforte introduce It Burns, che esplode subito in un tema aor ben congegnato e, soprattutto, efficace: linee vocali e riff epici, coro catchy e armonie ariose, inframmezzate qui e lì da qualche cattiveria della chitarra.

Sulla stessa linea, ma con qualche spunto hard in più, la seguente Walk Me Through The Fire, che colpisce anche per l’incedere maschio evidenziato dalla voce abrasiva di Atkins.

New Life Begins è un pezzone di hard melodico americaneggiante, in cui fa capolino la lezione degli Journey.

Col riff sabbathiano di The Final War i Nordic Union fanno una puntata decisa nel metal, appena stemperata dal coro ruffiano. Notevole l’assolo di chitarra che mescola melodia e citazioni orientali.

Ronnie Atkins

Breathtaking è una semiballad in cui potenza e orecchiabilità raggiungono un buon equilibrio.

Rock’s Still Rolling è un hard cadenzato, introdotto da un passaggio vagamente country che esplode in un riffone tosto e squadrato. Ottima la performance di Atkins, che dà spessore alla melodia con la sua raucedine.

Die Together è un’altra semiballad dal crescendo garbato e dal coro più che accattivante.

The Best Thing I Never Had è un saggio di aor contemporaneo, in cui i Survivor danno la mano agli Europe prima maniera ma con un tocco hard in più che non guasta affatto.

Outrun You chiude l’album con un’altra lezione di rock americano dalla melodia ruffiana e dal riffing robusto.

Per i fan giapponesi c’è il consueto bonus, in questo caso una versione acustica di Because Of Us, in cui le voci bianche dei pargoli di Martensson spadroneggiano in tutto il loro candore infantile.

Erik Martensson

L’aor non è solo roba da museo, ma è vivo e lotta con noi, se giusto si trova chi sa rivitalizzarlo. È, appunto, il caso dei Nordic Union, i quali, si spera, possano diventare una band a tutti gli effetti, visto che tra l’altro i loro brani sembrano concepiti in funzione del palcoscenico.

Buona la seconda e buon ascolto.

Da ascoltare (e da vedere):

Il video ufficiale di Because Of Us
Il video ufficiale di It Burns

160 Visite totali, 1 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP