Most read

Calabria, la sfida di Labdem ai congressi del Pd

L’associazione socialista scende in campo. A Cosenza si candida il coordinatore regionale Cesare Loizzo. Ecco il documento politico

Una cosa è certa, nel marasma carico di colpi di scena che è diventato il Pd attuale, soprattutto quello calabrese, che vive un’estate piena di travagli e caratterizzata da manovre più o meno sottobanco dei maggiorenti: i congressi provinciali si faranno e, stando alle circolari già diramate, dovrebbero svolgersi a ottobre (il condizionale nel Profondo Sud è d’obbligo).

Tre province su cinque andranno al voto: Cosenza, Catanzaro e Reggio. E la prima novità arriva proprio da Cosenza: tra i vari contendenti alla guida delle federazioni provinciali del Partito Democratico, c’’è Labdem l’associazione di area che fa capo all’europarlamentare lucano Gianni Pittella, capogruppo dei socialisti a Strasburgo, e presieduta dall’ex ministro Salvo Andò.

È da mesi che l’associazione, che cerca di tener vive nel Pd le classiche tematiche del riformismo socialista, scalda i motori con varie attività: convegni, dibattiti, associazionismo civico ecc., culminate a luglio nella seconda edizione della Scuola di formazione politica, a cui è seguita l’assemblea regionale, nel corso della quale i militanti di Labdem hanno preso la decisione di scendere in campo con propri candidati.

A Cosenza, dove c’è il core business della politica calabrese, spunta il nome di Cesare Loizzo, coordinatore regionale di Labdem ed ex assessore alla Cultura di Rende, una delle città più importanti della Regione, sede dell’Università della Calabria e centro di una economia ancora vivace.

 A breve arriveranno le determinazioni dei responsabili dell’associazione delle altre due province al voto.

 Nel frattempo, è disponibile la nota politica, intitolata Un nuovo inizio per il Pd, in cui Labdem espone il proprio programma per la segreteria cosentina, finora retta da Luigi Guglielmelli, che riportiamo integralmente di seguito:

 «Rinnovare l’azione politica del nostro Partito. Con questa ambizione ci candidiamo a guidare il Partito Democratico nella provincia di Cosenza. Il prossimo congresso provinciale del Pd sarà l’occasione per ripristinare il “normale” confronto democratico e la discussione nella nostra Federazione provinciale. Riteniamo che la persona debba essere posta al centro delle strategie di sviluppo per il nostro territorio, che la formazione politica sia un elemento imprescindibile per la costruzione dei nostri dirigenti e dei nostri amministratori locali perché le sfide che ci attendono saranno sempre più complesse.  Vogliamo lavorare per un Pd che ritorni protagonista anche nei grandi Comuni della provincia. Per ottenere questo risultato è necessario pensare a importanti progetti di collaborazione tra le Istituzioni comunali, ad iniziare dall’area urbana cosentina che insieme alla Media Valle del Crati dovrà rappresentare il cuore pulsante della nostra provincia grazie ad una sinergia con la Sibaritide, in particolare con il costituendo comune di Corigliano-Rossano ed il basso Jonio cosentino. In questo progetto sarà importante che il nuovo Ospedale dell’area urbana nasca in un rapporto sinergico con l’Università e con gli Istituti di ricerca, riteniamo che sia necessario per garantire un reale potenziamento delle politiche sanitarie anche in chiave di ricerca scientifica a favore dell’intera popolazione della provincia di Cosenza. Tutto ciò senza dimenticare i Comuni di piccola e media dimensione governati dal Pd: in questo caso occorre rafforzare la collaborazione tra le aree del Pollino, dell’alto Jonio e dell’alto Tirreno. Riteniamo, inoltre, che questa sinergia, assieme ad una maggiore collaborazione con la Basilicata (anche in prospettiva di Matera 2019,) porterà ricadute importanti nello sviluppo turistico e, di conseguenza, nell’economia. È necessaria una vera politica di offerta e ospitalità turistica anche nell’area della Sila e del Tirreno cosentino. Sul tema delle politiche d’accoglienza dei migranti bisogna guardare con coraggio al “modello Riace”. Una classe dirigente vera non può permettersi di nascondere la testa sotto la sabbia rispetto ai continui sbarchi sulle nostre coste: occorre superare il concetto di Sprar come soluzione tampone e considerare, finalmente, il migrante una risorsa. Molte delle nostre aree rurali che versano in stato di abbandono, potrebbero rivedere un nuovo inizio grazie ad una politica di vera accoglienza e integrazione che sia funzionale al territorio. Ci stanno molto a cuore la prevenzione e la tutela ambientale. La nostra provincia continua a bruciare da settimane, è necessario un maggior controllo nei boschi e allo scopo occorrono nuovi accordi con le Istituzioni preposte alla salvaguardia ambientale. La crescita economica dei nostri territori va di pari passo con la crescita culturale. Bisogna ricostruire un rapporto di scambio permanente tra il mondo universitario, quello delle imprese e l’associazionismo per generare nuove politiche di sviluppo e rilanciare la nostra provincia nel contesto del mezzogiorno. Per fare tutto ciò i circoli locali devono ritornare ad essere i veri protagonisti nel territorio, luoghi della discussione democratica sulle politiche da implementare nei territori superando i campanilismi, aprendo la mente verso esperienze positive.  I circoli saranno il motore della Federazione provinciale e saranno il luogo del vero confronto con le comunità locali.  La Federazione provinciale del Pd sarà garante di questo processo troppe volte dimenticato e messo in secondo piano, riunirà mensilmente le aree territoriali e organizzerà annualmente delle Scuole di Formazione per gli amministratori locali del Pd coinvolgendo tutte le professionalità che vorranno sostenere questo tipo di percorso».

646 Visite totali, 2 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP