Most read

Una loggia massonica nel cuore di Vibo

Si chiama La Fenice e ha aderito alla Federazione delle Logge di San Giovanni, che esiste in tutta Italia a partire dal 2009

La notizia è piuttosto fresca e, a dispetto dell’alone di mistero che circonda le faccende della libera muratoria, attendibile: il 3 gennaio è stata costituita a Vibo Valentia una nuova loggia massonica, La Fenice.

Appena costituita, La Fenice ha aderito alla Federazione delle Logge di San Giovanni, una comunione massonica costituita nel 2009 con sede principale a Genova e che vanta un numero considerevole di logge in tutta Italia e, in particolare, in Calabria.

A differenza della maggior parte delle comunioni, che sono gerarchiche e strutturate in obbedienze, la Federazione ha una struttura libera e aperta, basata sui principi federativi. Riprende, in altre parole, lo spirito della massoneria delle origini.

«Tutte le logge che aderiscono alla Federazione», spiega al riguardo Franco Chiarello, il presidente regionale calabrese della Federazione, «sono sovrane e mantengono una forte autonomia, nel rispetto dello statuto e dei regolamenti nazionali».

I principi che ispirano questa comunione («E non obbedienza», specifica ancora Chiarello) sono quelli canonici della libera muratoria: solidarietà, umanitarismo, amore per le libertà. «Noi aggiungiamo», prosegue il presidente calabrese, formatosi nei ranghi del Goi, «la difesa della legalità e dei principi dello Stato di Diritto».

Alla cerimonia suggestiva hanno partecipato numerose logge calabresi, tra cui si elencano: la storica Loggia Mozart, fondata proprio da Chiarello, la Loggia F. S. Salfi e la Aloysius Lilius, di Cosenza, la Tommaso Campanella di Gioia Tauro, la Carlo Gentile di Santa Maria del Cedro e la 04 di Catanzaro.

 Con la fondazione-adesione della Fenice la Federazione mette piede nel Vibonese e sembra che sia solo l’inizio visto che un’altra loggia vibonese sarebbe pronta ad aderire.

Per saperne di più

Sito della Federazione delle Logge di San Giovanni

Sito della Loggia Mozart di Cosenza

1,257 Visite totali, 4 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP