Most read

Aiuti alle imprese, il parere della Cgil

Landini: sì ai soccorsi, ma no ai licenziamenti e alle delocalizzazioni e, passato il virus, cambiamo modello di sviluppo

«Va assicurata subito la liquidità alle imprese perché non devono chiudere. Però vanno poste condizioni: non devono licenziare, delocalizzare, devono garantire la sicurezza dei lavoratori».

Lo ha dichiarato Maurizio Landini, il segretario della Cgil, al Sole 24 Ore.

Il leader sindacale sollecita l’avvio di un confronto sulla fase 2 di rilancio. Finita l’emergenza, «va cambiato modello di sviluppo e discusso un piano straordinario d’investimenti».

Con l’Europa va discusso il finanziamento del debito: «È evidente che sarà necessario aumentarlo, ma non si chieda austerità per risanarlo».

 5,392 total views,  2 views today

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP