Most read

Toghe lucane in rivolta: fuori gli indagati dalla magistratura

Dura nota di protesta della sezione potentina dell’Anm: «I consiglieri e tutti i magistrati non abbiano alcun rapporto con centri occulti di potere politico o affaristico»

I consiglieri del Csm coinvolti nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Perugia su nomine e rapporti con la politica devono dare «immediatamente le dimissioni»: è la richiesta contenuta in un documento approvato dall’Associazione nazionale magistrati del distretto di Potenza. Nel documento le toghe potentine chiedono anche «che i consiglieri e tutti i magistrati non abbiano alcun rapporto con centri occulti di potere politico o affaristico, da chiunque rappresentanti», secondo quanto prevede l’articolo 10 del codice etico.

1,715 Visite totali, 2 visite odierne

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP